Pubblicità e Greenwashing: una nuova norma per la comunicazione commerciale green

picture 10016 aprile 2014 – Nuova politica in Italia in materia di green claims. Il Codice di Autodisciplina Pubblicitaria integra  l’ Articolo 12 – Salute, sicurezza e ambiente già esistente che regolava la comunicazione commerciale in materia  di ecologia e ambiente, con una nuova norma, denominata “Tutela dell’ambiente naturale”, più precisa riguardo gli standard di correttezza dell’informazione ambientale.
Adesso le informazioni riguardanti i benefici di carattere ambientale devono basarsi su “dati veritieri, pertinenti e scientificamente verificabili”, per una comunicazione che deve “consentire di comprendere chiaramente a quale aspetto del prodotto o dell’attività  pubblicizzata i benefici vantati si riferiscono”.
Una tutela, quindi, che vede da un lato i consumatori, sempre più attenti alle caratteristiche ambientali dei prodotti,  e dall’altro le imprese responsabili.
La nuova norma, che arriva in seguito alla richiesta di Fondazione Sodalitas e UPA, va a vantaggio delle aziende che non fanno del green advertising solo un’operazione di facciata, ma che fanno della responsabilità ambientale una propria cultura.

Per approfondire

Condividi

    One comment on “Pubblicità e Greenwashing: una nuova norma per la comunicazione commerciale green”

    1. rossella ha detto:

      La nuova norma non risolverà tutti i problemi ma aiuterà forse a fare chiarezza in un mercato dove purtroppo le scorrettezze di alcuni “pesano” su tutti…

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.