Poliedro, un indice di sostenibilità per il food

2013 – Uno strumento di autovalutazione a disposizione delle aziende piemontesi che operano nell’agroalimentare di qualità per valutarne la struttura produttiva e migliorarne la competitività, in un mercato in cui sempre di più è la cura dei dettagli a rivelarsi vincitrice.
Si chiama Indice Poliedro (Pollenzo Index Environmental and economics Design) ed è il progetto di ricerca finanziato dalla Regione Piemonte che ha coinvolto l’Università degli Studi di Scienze Gastronomiche, il Dipartimento di Architettura e Design del Politecnico di Torino e i dipartimenti di Management, e di Scienze Economio-Sociali e Matematico-Statistiche dell’Università degli Studi di Torino.
Sotto la lente del team multidisciplinare di ricercatori che ha sviluppato il prototipo, gli aspetti di sostenibilità ambientale, economica e sociale di sei realtà del territorio specializzate in tre prodotti rappresentativi della tradizione enogastronomica piemontese: Venchi di Castelletto Stura e Candifrutto Bottega del Cioccolato di Torino per la filiera cioccolato, La Granda Trasformazione di Genola (Cn) e Azienda Agricola Scaglia di Rivoli (To) per le carni e i salumi, FontanaFredda di Serralunga d’Alba (Cn) e Cantina dei Produttori del Nebbiolo di Carema (To) per la filiera del vino.
A ispirare i ricercatori, la necessità espressa da un numero sempre maggiore di consumatori desiderosi di riscoprire i prodotti della cucina tradizionale con un occhio sempre attento alla sostenibilità, ma che si sentono spaesati di fronte al numero crescente di norme e certificazioni.
L’Indice Poliedro è uno strumento di autovalutazione scientificamente misurato e sperimentato che le aziende possono utilizzare per migliorare le loro performance produttive e ambientali: dalle emissioni di CO2 al consumo di acqua, dalla gestione della biodiversità all’utilizzo del packaging. La complessità dell’indice si esprime sinteticamente in un valore numerico da 0 a 3 e può rappresentare una leva di comunicazione in più per trasmettere ai propri clienti valori e caratteristiche aziendali in maniera chiara e immediata.
I risultati di questa prima fase della ricerca portano a dire che le aziende che hanno contribuito a testare il modello si attestano su livelli intermedi di sostenibilità, dimostrando però grande sensibilità e voglia di migliorare.
Un confronto su un campione piu ampio e rappresentativo sarebbe pertanto necessario al fine ottenere una maggiore significatività della ricerca.

Per approfondire, clicca qui.

Condividi

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.