Per un “Progetto Globale” di cambiamento culturale

2012 – Secondo alcune ricerche sociologiche effettuate in Giappone, Italia, Stati Uniti, Germania, Francia e Ungheria, esiste nel mondo una cultura collettiva che raggrupperebbe il 40% della popolazione e che, al 2020, supererebbe la metà della popolazione mondiale. Si tratta della cosiddetta cultura della consapevolezza globale che fonda le sue radici su valori quali l’ecologia, il pacifismo, l’interculturalità, la sostenibilità e, più in generale, sull’adozione di scelte responsabili per il benessere dell’uomo e del pianeta.
Al fine di dar forma, voce e consapevolezza a questa massa critica di individui, è stato lanciato da parte del Club di Budapest – associazione internazionale dedicata a sviluppare un nuovo modo di pensare e nuove etiche per affrontare le sfide sociali, politiche, economiche ed ecologiche del XXI secolo – un programma chiamato “Progetto Globale”.

Il Progetto è portato avanti assieme a personaggi celebri nel mondo dell’arte, della filosofia, della politica, dei movimenti sociali e con la partecipazione diretta di premi nobel storici come Nelson Mandela, il Dalai Lama, Desmond Tutu, Muhammad Yunus e Michail Gorbaciov.
Per il momento, obiettivo del programma è effettuare un censimento  degli aderenti alla cultura della consapevolezza globale (in Italia, a oggi, già oltre 1 milione e 170 mila) attraverso la realizzazione di eventi come quello che è stato organizzato a Bologna il 15 Dicembre, che ha visto la partecipazione di personaggi del calibro di Ervin Laszlo, il Dalai Lama, Tara Gandhi, la presidente del Costa Rica Laura Chinchilla, Hans Kung il teologo della pace e l’ecologista indiana Vandana Shiva, tutti impegnati a spiegare come prendere coscienza di questi temi, oggi, sia imprescindibile per traghettare il mondo verso un futuro migliore.
Per approfondire.

Condividi

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato.

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>